Una nuova Arena per brunico

Storia

Dalla prima idea all'apertura della nuova Arena di Brunico sono passati ormai ben 10 anni.

 

Il 2 novembre 2011, nella area VIP dello stadio alla Rienza, un piccolo gruppo ha messo su carta per la prima volta i requisiti che un nuovo stadio del ghiaccio - come il progetto è stato chiamato inizialmente - dovrebbe soddisfare a Brunico. Due superfici di ghiaccio, capacità per circa 3.000 spettatori/trici, un'area premium e altri 20 elementi sono già stati considerati.

 

A quel tempo, Ivo Pezzei era ancora considerato come "l'iniziatore per la fase di avvio", anche se presto è stato chiaro che sarebbe stato un viaggio un po' più lungo. Per sviluppare la cosa giusta per Brunico, circa 30 arene e stadi in tutto il mondo sono stati visitati negli anni tra il 2012 e il 2017, che erano fonte d'ispirazione e buone idee per il concetto di Brunico. 
 

Tra il 2012 e il 2014, il comune di Brunico, sotto la guida dell'allora sindaco Christian Tschurtschenthaler e del segretario generale Alfred Valentin, ha creato le condizioni urbanistiche sul terreno e le modalità di finanziamento. I risultati dei sopralluoghi sono stati incorporati in un concetto con un programma spaziale, che ha stabilito il percorso per la pianificazione preliminare.

 

Nella primavera del 2014 è stato annunciato il concorso di architettura per "l'impianto sportivo del ghiaccio di Brunico". A tal fine, 72 studi di architettura locali, nazionali e internazionali hanno espresso il loro interesse per il progetto. Da questo pool, sono stati selezionati 20 uffici, dei quali 18 hanno presentato una proposta. In diverse riunioni della giuria il pool è stato continuamente ridotto fino a quando il 29 maggio 2015 (all'epoca sotto il nuovo sindaco Roland Griessmair) il progetto del consorzio offerente intorno agli architetti CeZ di Bolzano è stato selezionato come progetto vincitore.

 

Altri quattro anni, durante i quali sono stati elaborati progetti preliminari, piani di attuazione, gare d'appalto e piani di arredamento, sono passati fino all'inizio effettivo della costruzione nel luglio 2019. Durante questo periodo, il progetto è stato completamente finanziato e consegnato dalla Città di Brunico all'Azienda Pubbliservizi Brunico, che, sotto la guida del presidente Peter Rech e del direttore generale Gustav Mischi, ha agito d'ora in poi come sviluppatore e infine anche proprietario dell'immobile.

 

La cerimonia della posa della prima pietra il 7 settembre 2019 ha segnato l'inizio ufficiale della costruzione della nuova Arena Brunico.

 

A novembre 2019, un'interruzione di corrente di quasi tre giorni a seguito di un danno da tempesta ha completamente paralizzato la Val Pusteria e quindi anche il cantiere, provocando il primo ritardo non pianificato, che si è protratto fino a Natale a causa di forti piogge e nevicate.

 

Dopo la ripresa dei lavori di costruzione a metà febbraio 2020, il secondo blocco imprevisto dei lavori è avvenuto in seguito alla pandemia COVID-19, che ha causato un arresto di sei settimane a marzo 2020.

 

Da quel momento in poi, non ci sono stati altri ritardi. Le aziende sul posto hanno recuperato molto tempo perso con i loro sforzi instancabili.


Nel frattempo, il concetto di gestione è stato elaborato e la struttura della società di gestione - Brunico Aktiv Srl, una filiale dell'Azienda Pubbliservizi Brunico - è stata creata.

 

L'Arena Brunico sarà un luogo di comunità e cinque associazioni chiameranno l'infrastruttura la loro "casa". Con questi cinque utenti principali si sono svolte molte riunioni, e ogni club è stato sempre in grado di contribuire con le proprie idee per il design nell'ambito di ciò che era tecnicamente e economicamente fattibile.


Nell'autunno del 2021 arriverà il momento... la nuova arena multifunzionale con focus sugli sport del ghiaccio aprirà le sue porte ed è senza dubbio un progetto faro per tutta la regione alpina.